Brunelde Domus Magna

Nei dintorni di Fagagna, affacciata sull’antica via del Sale (strada romana che collegava Concordia Sagittaria e Venezia a Salisburgo) si trova la Casaforte “la Brunelde”. Le origini della “Brunelde Domus Magna” sono molto antiche; in epoca longobarda e poi per tutto il Medioevo fu una torre di guardia, per poi essere trasformata in casaforte (XVI secolo) quindi in casa di caccia (XIX secolo).

Nelle stanze della casaforte, si narra che ancora oggi si aggiri il fantasma di Marco d’Arcano-Moruzzo, ucciso dai veneziani nel 1420. In quel tempo la Patria del Friuli stava capitolando di fronte all’avanzanta delle truppe veneziane. Prima che il castello di Fagagna fosse conquistato, Marco d’Arcano consegnò al figlio Pileo un ricco tesoro con il compito di nasconderlo come meglio poteva. Pileo pensò subito di nasconderlo nella vicina casaforte, ma dopo aver compiuto la missione non riuscì a fare ritorno al castello. Il padre Marco venne invece fatto prigioniero e successivamente decapitato. La leggenda vuole che nella Casaforte si aggiri ancora il suo fantasma che, reggendo la testa sottobraccio, veglia sul proprio tesoro.

Oggi la casaforte è una eleganze dimora storica di charme.